Shock di ritorno - Luigi Albano

LUIGI
LUIGI
Vai ai contenuti
SCHOCK DI RITORNO

Attenzione!, in radionica (e quindi anche a mezzo dell'utilizzo della Genesa o della Pentasfera) lavorando su una persona, sia in segno positivo che negativo, si deve sempre fare i conti con lo shock di ritorno.
Perché questo succede? perché Se si lavora su un soggetto o su un evento, significa che si va a modificare qualcosa nell’universo.
Magari all’individuo quell’esperienza sarebbe servita ed il "terapeuta" l’ha modificata con il suo "approccio radionico".
Quando si manda un’informazione verso qualcuno ci sarà di ritorno sempre una forza uguale e contraria.
Pertanto si deve essere in grado di preparare intorno al corpo ed alla mente un muro di difesa, una diga, affinché questo ritorno venga dissipato verso l’esterno, oppure essere in grado di trasformare questo ritorno in energia in positività.

Metodi di Protezione dallo shock di ritorno:
  • Si possono utilizzare alcune tecniche, tra le quali si possono ricordare : Ampliare l’aura con visualizzazione di luce dentro un bozzolo come protezione. Il pensiero da associare all’azione radionica è che da essa deve tornare indietro solo energia positiva (azione e pensiero devono essere contemporanei).
  • Usare “acque di potenza” (Lourdes, Medjugorije, Fatima, ecc.) in un bicchiere posto a fianco durante l’azione radionica.
  • Riequilibrare i chakra utilizzando figure simboliche (disegnate od anche solo visualizzate mentalmente). Ad esempio si può usare la stella a cinque punte, immaginando di tracciare con le dita sui chakra l’immagine di luce viva.
  • Eseguire il segno della croce totale su tutto il corpo immaginandolo di luce viva. Fare il segno con l’ausilio della croce cabalistica con colori disposti sul corpo.
  • Usare pietre e cristalli che sono energeticamente in armonia con il terapeuta.
  • costruire un circuito radionico di Eliminazione dello shock di ritorno.



Torna ai contenuti