Gesù di Nazareth - Storia - - Luigi Albano

Vai ai contenuti

Menu principale:

catalogo > Pubblicati
IL LIBRO

A rendere efficace e popolare una dottrina, non basta che la filosofia ne dimostri la verità nell'ordine delle idee, ma anche che la storia ne confermi la realtà nell'ordine dei fatti, in questa massima si compendiano tutti i motivi che mi hanno determinato a trascrivere in digitale la presente opera.

Nel 1870 scrivere un libro sulla vita attendibile del Nazzareno non era un'impresa impossibile, ma certamente era difficoltosa e ardua perché bisognava scontrarsi con: diciannove secoli di superstizioni; un mare infinito di credenze e infine sfidare la censura della "Santa" Romana Chiesa.

La Storia di Gesù di Nazareth Figlio di Giuseppe Pantera da Brindisi come appureremo ha certamente avuto una gestazione complicata.

Molteplici sono state le difficoltà nel rendere pubblica quest'opera e le medesime si evincono dall'anonimato dell'autore, dell'editore e della tipografia ove è stata stampata.

Dopo essere andata letteralmente a ruba una prima edizione (1868 - Malta),  con il titolo "Storia di Gesù di Nazareth e delle origini del Cristianesimo", l'autore a grande richiesta dopo due anni di successivi studi, presenta ai lettori una seconda edizione (1870 - Italia) aggiungendo al titolo originale il seguente sottotitolo: "Figlio di Giuseppe Pantera da Brindisi", una edizione notevolmente ampliata (ove il capitolo III viene interamente modificato).

Entrambe le edizioni dell'opera sono il risultato di anni di studi e di attente valutazioni di uno scrittore che soffre e combatte per il trionfo della libera scienza e per l'emancipazione delle coscienze dall'irrazionalità della Santa Romana Chiesa.

L'ignoto scrittore è risalito alle fonti della dottrina di Cristo e le ha riconosciute e svelate, ha tracciato un lavoro rigoroso ed esclusivamente storico ricercando con accurata pazienza i più lievi particolari della vita del Gesù di Nazareth.

E' tanta la severità documentata in quest'opera, che l'autore non accenna alcun fatto o avvenimento e direi quasi alcuna parola, senza riferire le fonti che giustificano le sue affermazioni (oltre 400 riferimenti bibliografici: Celso - Origene - Eusebio - Giuseppe Ebreo - Talmud di Gerusalemme - Raban - Ireneo - S. Luca - S. Matteo - Basilius - Joannes Damascenus - San Marco - Epifanius - Erodoto - S. Giovanni - D' Orbach - Isaia - Daniel ecc… ecc...).

I misteri della vita di Gesù Cristo, la sua nascita, la sua predicazione e la sua risurrezione in quest'opera appaiono chiare, i luoghi teologici sono contestati con una logica priva di rancori personali verso gli uomini che di Cristo hanno fatto un mito fino a creargli un vicario in terra e ardergli incensi e al radicato principio che «senza una religione non si comprimono le masse e non si reggono gli imperi», l'autore oppone la scienza della verità e ci insegna che l'uomo onesto deve essere inspirato costantemente dal Dio Onore, non disgiunto sul medesimo altare dalla Dea Ragione.

 
Lingua italiana, XXXIX capitoli, 358 pagine in offerta del 50% sino al 31 gennaio 2018.

Copyright Luigi Albano
Torna ai contenuti | Torna al menu