il peccato di adamo - Luigi Albano

Luigi Albano
Luigi Albano
LUIGI
LUIGI
Vai ai contenuti

il peccato di adamo

angolo proibito
Il peccato di Adamo

Quando quei primi padri da quel ramo
Disubbidendo tolsero quel pomo,
Sull'appetito loro, non più domo,
Aprirò gli occhi, e disser: « Nudi siamo, »
E vergognoso alla compagna Adamo:
« Mi s'enfia e mi si rizza il segnai d'uomo. »
Ed Eva a lui: « Sin sotto il perissomo
Quest'uscio femminil mi fa ch'io bramo. »
Si diero un bacio entrambi ed un amplesso,
Indi si radunaro a mezza vita,
Alfine si chiavar sesso con sesso.
E tanto di piacere ebbe in quell'atto
La coppia dolcemente illanguidita,
Che giunse a benedir quel suo misfatto.

(autore sconosciuto)

Torna ai contenuti