blog - Luigi Albano

LUIGI
LUIGI
Vai ai contenuti

Una moglie o il patibolo

Luigi Albano
Pubblicato da Cav. Luigi Albano in curiosità · 14 Maggio 2020
Tags: sposapatiboloCarloVI
Nel secolo XIV era costume in Francia che qualunque celibe condannato a morte scampasse il patibolo se qualche donzella si offrisse a prenderlo per marito. Du Cange (suppl. voc. ma trimonium) ne riporta un esempio del 1376 sotto il regno di Carlo il saggio.
Un altro ne abbiamo del regno seguente nelle lettere di grazia sottoscritta il 1382 da Carlo VI in favore di Hennequin Doutart, condannato dalla corte di Peronne ad essere trascinato e sospeso al laccio.
Quando già costui era giunto sotto la forca e il boia gli aveva posto la corda al collo, si presentò Jehannette Mourchon Rebaude che chiese al condannato se volesse prendere in sposa una giovanissima donzella della città di Hamaincourt, il che valse a quel patibolario che il Re condonasse la Sua pena di morte.
Tra l'altro la ragazza era molto bella nonchè prosperosa, tutto sommato Doruart fu doppiamente fortunato.



Torna ai contenuti