Curiosità - Luigi Albano

Luigi Albano
Luigi Albano
LUIGI
LUIGI
Vai ai contenuti

I testi sacri

Luigi Albano
Pubblicato da in la storia biblica ·
L'autore di questo testo si potrebbe definire il Mauro Biglino del 1800, di seguito una sua piccola considerazione, seguiranno delle altre...(parte seconda).

""La collezione di questi libri forma ciò che chiamasi la Bibbia, e la venerazione per loro fu altre volte portata a tal punto da credere che fossero divinamente ispirati in ogni parola e ogni sillaba, e che chi scrisse, non facesse che scrivere macchinalmente quanto un'intelligenza superiore gli dettava.
Ma tale pia credenza è dimostrata falsa dalla condizione stessa con cui ci pervennero quei libri, che offrono gran numero di varianti, talvolta anche di grave momento, oltre ai guasti che hanno subito qua e colà, agli errori lasciati trascorrere dai copisti, e a varie cose o contraddittorie o inammissibili che vi s'incontrano per entro, di maniera che il soccorso della critica è tanto necessario per la Bibbia quanto per qualunque altro antico documento.
La lingua in cui essa è scritta è morta da oltre venti secoli, e malgrado gli studi pazienti e profondi a cui si assoggettarono gli eruditi, tutta volta non si può asserire che ella ci sia perfettamente intelligibile.
Molti vocaboli sono oscuri, altri mancano della loro radice e sono perciò di un significato equivoco.
Oltre di che gli scrittori usarono lo stile e gli ornamenti che conferivano al gusto dei loro tempi e dei paesi in cui vivevano e quali comportava la civiltà contemporanea.
I primi undici capi contengono diversi racconti sulla creazione, sullo stato primitivo del mondo, sulle catastrofi che subì il nostro globo, e sull'origine primitiva della società.
Non sono tutti di una stessa mano né di un medesimo stile ma leggende o residui di antichi poemi sul gusto di quelli di Orfeo o di Esiodo o dei poemi indiani, che un raccoglitore dispose nel miglior modo che ha saputo."""

Aurelio B.G., 1851 (Compendio Biblico). (Immagine Vikipedia)



© Luigi Albano
© Luigi Albano 2017
© Luigi Albano 2017
Torna ai contenuti